Consalvo Carelli, Paesaggio con ponte

N. prodotto: CC1
60,00


Consalvo Carelli, Paesaggio con ponte, 1870-80, matita su carta

Matita su carta, incollata ad altro cartoncino, misura mm.75x125, non firmato. 

Consalvo Carelli (Napoli, 29 marzo 1818 – Napoli, 2 dicembre 1900) è stato un pittore italiano aderente alla scuola di Posillipo.
Appresi i primi rudimenti dell’arte dal padre Raffaele, si perfezionò con l’inglese William Leicht nella pratica dell’acquerello, tecnica indispensabile per la riproduzione della pittura antica e l’esecuzione dei paesaggi dal vero.
Nel 1830, appena dodicenne, espose alla Mostra borbonica due opere a seppia; tre anni più tardi ottenne la medaglia d’argento di II classe con Piazza della Vicaria, mentre nel 1835 quella di I classe. Nel 1837 quando ancora era solito firmare come “Carelli figlio” riuscì a vendere al Re due paesaggi, di cui una Veduta di Cava. Nello stesso anno si trasferì a Roma, dipingendo dal vero la campagna circostante e frequentando l’Accademia di Francia e Bartolomeo Pinelli.
Dal 1841 al ‘45 soggiornò a Parigi con un permesso speciale della Regina.
Qui espose con successo ai Salon, ottenne onorificenze e importanti commissioni dai ministeri francesi e dall’aristocrazia locale, accrescendo così la sua notorietà anche all’estero.
Tornato a Napoli partecipò assiduamente alle mostre del Regio Istituto di Belle Arti con numerose vedute ad olio e acquerelli di Napoli, Palermo e Roma.
Nel 1856 con Nicola Palizzi e suo fratello Gabriele divenne socio onorario del Regio Istituto di Belle Arti di Napoli, nel ‘69 ricevette l’incarico di maestro di pittura della Regina Margherita e nel ‘74 fu nominato professore presso l’Accademia di San Luca. Morì a Napoli nel 1900.

Cerca anche queste categorie: Disegni e Acquarelli, Consalvo Carelli